Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog di Confcontribuenti (Sez.Piemonte) e UpL

LIBERALIZZAZIONI? Sì, GRAZIE, AVANTI COSI'!

6 Gennaio 2012 , Scritto da UPL Con tag #ITALIA

Dichiarazione di Salvatore Grizzanti, segretario dell’Associazione radicale Adelaide Aglietta.

Non mi stupisce che il presidente Cota abbia scelto di stare dalla parte delle corporazioni decidendo di impugnare il provvedimento del Governo e mettendo tutti d’accordo dalla destra Ascom alla sinistra Confesercenti. Partitocrazia e corporazioni hanno bisogna di mantenere lo status quo per avere un senso di esistere loro stesse; la libertà individuale che si traduca in diritti civili o in libertà economiche è nemica di questo Regime che ha bisogno di infiltrarsi in ogni ganglio della società come un parassita.
Non è un caso che solo noi Radicali ci siamo espressi a favore, le liberalizzazioni erano nei nostri quesiti referendari del 1995. Tutto questo agitarsi da parte di certi politici, come sull’abolizione delle province, significa che la strada è quella giusta; il Governo vada avanti.

__________

COMMENTO DEL COORDINATORE NAZIONALE UPL (Unione per Le Libertà) Galgano PALAFERRI:

Per la verità anche noi dell'Unione per le Libertà siamo da sempre per le LIBERALIZZAZIONI! Ancora una volta COTA ed altri se-dicenti liberali, con simili posizioni, sono la dimostrazione più evidente di quanto lo siano veramete. E non è che nel pdl la situazione sia migliore. Snzi, forse lì è pure peggio.

MOBILITAZIONE PERMANENTE, CONTRO QUESTO STATO ANTIDEMOCARTICO E ILLIBERALE.

BASTA CASTE, BASTA TASSE, BASTA CORPORAZIONI, BASTA SUDDITI.

UNITI PER LE LIBERTA', UNITI PER LA NUOVA ITALIA, LIBERALE, LIBERISTA, LIBERTARIA, ANTIPROIBIZIONISTA!

Mostra altro

BASTA RAI. BASTA STATO. BASTA TASSE. MOBILITIAMOCI TUTTI.

3 Gennaio 2012 , Scritto da GAL.PAL UPL Con tag #UPL

CON LIBERO e MARIA GIOVANNA MAGLIE.

""LIBERO contro il canone #RAI Scriviamo in massa "BASTA CANONE" Non saremo gli unici a pagare la crisi!""

CONDIVIDI E FAI GIRARE!

MANDA MAIL A:

Massimo.demanzoni@libero-news.it 

maurizio.belpietro@libero-news.it


By: UpL e Tea Party.

Mostra altro

Speciale Myanmar – Il partito di San Suu Kyi alle elezioni. Le riforme della nuova Birmania.

2 Gennaio 2012 , Scritto da UPL Con tag #ESTERI

Da: Diritto di Cronaca, una bella notizia.

Il National League for Democracy è stato legalizzato dal governo del Myanmar. I primi passi verso uno spiraglio di libertà anche per i mezzi di comunicazione birmani.

Di: Arianna PESCINI

5846323 e1323811190792 500x325 Speciale Myanmar Il partito di San Suu Kyi alle elezioni. Le riforme della nuova BirmaniaNon si sa ancora la data delle prossime elezioni legislative in Myanmar (ex Birmania), ma certo è che potrà candidarsi anche la coalizione guidata dal premio Nobel Aung San Suu Kyi. Un annuncio sul quotidiano ufficiale birmano “New Light of Burma”, infatti, spiega che la Commissione elettorale del governo al potere ha dato il via libera al ripristino dello status di “partito politico” per NLD, il National League for Democracy (Unione nazionale per la democrazia). Per l’attivista dei diritti umani, reduce dall’incontro storico con il Segretario di Stato americano Hillary Clinton, è un altro passo avanti verso la rimozione di ogni censura nei suoi confronti e nei riguardi della causa che abbraccia da anni: un Myanmar più libero e democratico. La decisione di legalizzare ufficialmente NLD arriva tre settimane dopo la presentazione del partito e dei suoi 21 componenti: «Sono fiduciosa – aveva detto Suu Kyi – che il nostro Paese abbia ormai imboccato la strada della democrazia, una strada dalla quale non si torna indietro». Il simbolo del partito National League for Democracy riprenderà quello della bandiera: un pavone combattente che fissa una stella bianca. L’animale rappresenta la rivolta studentesca violentemente repressa nel 1988, l’astro è invece emblema della rivoluzione. Il governo di ex generali installato nella capitale Naypyidaw sta proseguendo lungo una linea sorprendentemente riformatrice, sebbene i passi da fare siano ancora molti. Prima la liberazione, avvenuta un anno fa, proprio di San Suu Kyi, relegata da tempo agli arresti domiciliari, poi l’apertura politica alla competizione elettorale, e la recente approvazione di una legge che permette per la prima volta ai cittadini di chiedere l’autorizzazione a manifestare pacificamente. Ma la svolta del Myanmar riguarda soprattutto il mondo dell’informazione. Nel Paese che è stato dichiarato nel 2010 da Reporter Senza Frontiere come il 174esimo (su un totale di 178) per censura e mancanza di libertà di stampa, fino a poco tempo fa era vietato solo nominare Suu Kyi in tv o sui giornali. Adesso troviamo il quotidiano “Times Myanmar” che ospita fino a quattro fotografie della “Signora di Rangoun”, e i telegiornali locali che riprendono la notizia del riconoscimento del suo partito. Certo, restano ancora in vigore leggi severe nei confronti di giornalisti e reporter (alcuni di loro sono in carcere), e ogni giornale prima di andare in stampa deve presentare il progetto di pubblicazione al Ministero della Comunicazione. Qualche spiraglio di libertà, però, si avverte: «La stampa è cambiata molto velocemente in soli sei mesi – ha dichiarato a France Press Than Htut Aung, presidente del gruppo editoriale Eleven Media Group, il principale nel Paese – anche se non possiamo ancora esprimere le opinioni di diverse parti politiche né parlare dei prigionieri politici e delle loro famiglie».

Mostra altro

LIBERTARI DI TUTTO IL MONDO UNIAMOCI.

2 Gennaio 2012 , Scritto da UpL Gal.Pal Con tag #UPL

DAL SITO DI ENRICO MONTESANO UN OTTIMO E CONDIVISIBILE POST

http://www.enricomontesano.com/libertari-di-tutto-il-mondo-unitevi/libertari-di-tutto-il-mondo-unitevi-2.

INVITIAMO A LEGGERE IL NS.COMMENTO E, A VOSTRA VOLTA, A COMMENTARE. (Ci siam permessi di cambiare il Titolo al post)

"LIBERTARI DI TUTTO IL MONDO UNITEVI" (Titolo Originale).

 

MODESTA PROPOSTA PER PREVENIRE

Viviamo un periodo in cui siamo attraversati dal dubbio e non sappiamo più in quale causa credere ed in quale verità infeudarci…Allora? Allora si! Ebbene facciamolo! Da tempo cari amici ci riuniamo…ed aspettate da me una risposta. Eccola: facciamolo ‘sto benedetto movimento, partito o come cavolo volete chiamarlo e come divolo volete che sia!

Italia Libertaria? Libertari d’Italia…Quel che sarà il nome sarà..il concetto è questo: superare, andare oltre il destra-sinistra. Raccogliere…partire dai simpatizzanti di  destra e di sinistra  per unirci in quel comune denominatore che   fa superare la vecchia distinzione. Ci solleveremo tutti da quell’asse divisorio. C’è. Come si dice in tv,  il targhet!…eccome!! C’è!  Gli Italiani sono stufi dei vecchi politici, delle solite facce, della vecchia politica, i soliti discorsi, le solite trite e ritrite vecchie idee. Che ci hanno portato al dissesto economico e morale nel quale siamo! UN MONDO TRAMONTATO, SENZA AVVENIRE, SE NON QUELLO DEL DEBITO E DELLA DEBACLE!!!  Con il loro vecchio sistema sarà disfatta totale, reggeranno ancora qualche tempo su posizioni ormai perdute che la realtà dei fatti annienterà. CON IL NOSTRO NUOVO SISTEMA, c’è una speranza per i nostri figli e nipoti!!

Non volgiamo convincere nessuno..si tratta di far intendere a quell’elettorato STUFO e DISGUSTATO che c’è qualcosa di cui prendere atto: che c’è  qualche  idea e sentimento di destra anche in un elettore di sinistra e c’è qualche idea e sentimento di sinistra anche in un elettore di destra! Pare una battuta ma non lo è. Credetemi, non sorridete! Prendiamone atto e diamo a questi elettori  il partito che non c’è.  Ma di cui apprezzerebbero l’esistenza. C’è..ma ancira non lo conoscono, come l’ANTIMATERIA…C’è MA ANCORA DEVE ESSERE SCOPERTA, AFFERRATA COMPRESA. Italia libertaria o i libertari d’italiasaranno quel partito. Noi Uniamo, siamo quel MINIMO COMUN DENOMINATORE CHE UNISCE. Meno stato meno tasse, meno spese, meno burocrazia , meno oneri, meno lacci, libertà nelle scelte, nel  privato  dei cittadini…Liberare lo spirito d’iniziativa dei cittadini italiani, non gravandoli di regole, permessi, bolli, tasse, passaggi burocratici…Liberare i giovani, liberare la creatività…

Ma vorremo anche uno stato che abbia poche  regole ma chiare, precise  e che siaa in grado di farle rispettare a tutti. Uno stato di diritto! Uno stato che grantisca i servizi essenziali, ed intervenga solo quando veramente è  necessario, per aiutare lì dove il privato cittadino non arriva con le sue sole forze. Che sia messo in condizioni di camminare con le sue gambe!

Libertà economiche e libertà individuali. Un quotidiano si domandava ieri, esiste un partito che sappia coniugare dinamismo economico e  libertà individuali? Esiste, lo devono scoprire…se vorrete, se vorranno sarà  il nostro. E sarà come L’ANTIMATERIA..esiste ..e la stanno scoprendo ora!!!

Penso che ci sia un elettorato che aspetta il nostro partito. Un partito  che sia in grado di coagulare ed intercettare questa domanda! Un partito di gente nuova, non compremessa con la vecchia politica e che rifuiti  i metodi dei beneficie delle prebende.  DEGLI AFFARI della vecchia politica..che lo faccia non per uno stipendio nè per una pensione…ne per sistemare parenti ed amici. Tutto al minimo di spesa! Per un max di due mandati. Un partito di gente che ha delle proposte da fare:  innovative, non costose…anzi culturalmente rivoluzionario nella diminuzione della spesa..e del debito pubblico!

IL DEBITO DIVENTA UN PROBLEMA ESISTENZIALE, CULTURALE,RIFIUTARE DI ATTINGERE A SOLDI PUBBLICI=UGUALE PENSARE DIVERSAMENTE=UGUALE RIVOLUZIONE CULTURALE!

Basta fare chiarezza, basta smettere di credere alle favole. Togliamoci l’anello al naso!!! Trasparenza!!! Magnàr de meno! Saremo capaci di esprimere con chiarezza le nostre idee? Le nostre proposte passeranno velocemente dala Curiosità al Fervore?  Saremo capaci di esprimere un movimento ed un leader in grado di coniugare tolleranza sociale e dimnamismo economico?

Con una magnifica frase di Cioran che ben s’adatta alla bisogna, concludo esortertando i cittadini italiani: … ” vogliamo evitarvi di precipitare nell’incerto e di essere divorati dall’insipido”..(di questo andazzo deprimente ed intollerabile!)

LIBERTARI DI TUTTO IL MONDO UNITEVI !!!!

 

COMMENTO:

Destra e Sinistra sembrerebbero termini superati, ma non è proprio così, perchè comunque l'appartenenza ad un campo piuttosto che all'altro schieramento presuppone un approccio diverso, nella soluzione dei problemi, che si vanno affrontando. Da un lato si è per la riduzione dello Stato Padrone, che tutto divora, attraverso le tasse, che tutto occupa, anche in settori che non gli competono, che deve tornare ad essere "Sato Minimo", fare ciò che è strettamente necessario, e poi dare spazio alla libera iniziativa "privata" anche in settori c.s.assistenziali, di assistenza alle persone. Dall'altro si vorrebbe uno stato "mamma" che ci segua dalla culla alla tomba, risolvendo tutti i ns.problemi, dando servizi a tutti. 

In Italia paghiamo tantissimo di tasse, come pressione fiscale siamo a livelli record, e abbiamo, al contempo, servizi pessimi, quasi da terzo mondo. Ecco perchè in una situazione simile per dei LIBERALI come noi, che per definizione non dovremmo essere nè a destra, nè a sinistre ma semplicemente dalla parte della gente, dei più deboli, dei diritti civili, difensori dell 5 libertà [1.LIBERTA' DI PAROLA (Freedom of Speeach);2.LIBERTA' DI FEDE (Freedom of Religion);3.LIBERTA' DAL BISOGNO (Freedom from Want);4.LIBERTA' DALLA PAURA (Freedom from Fear); 5.LIBERTA' DALLO STATO)], tutto dovrebbe essere più facile. Popolo dei Tartassati, finchè c'è vita c'è speranza. Uniamoci, compattiamoci, organizziamoci, facciamo uscire la voglia di Rivoluzione che è in noi. Basta con le Caste, i Privilegiati, una classe politica autoreferenziale, parlamentari nominati e non eletti... 

E che, vera RIVOLUZIONE LIBERALE possa essere, per la Libertà, per ridere dignità al nostro paese, alla nostra bella Italia, un paese senza eguali e che amiamo, per il futuro nostro e dei nostri figli. Un'altre ITALIA, Liberale, Liberista, Libertaria, antiproibizionista, per i diritti civili è possibile. Noi ci crediamo. E tu?

Galgano PALAFERRI

Coordinatore Nazionale

Unione per le Libertà_Insieme per l'Italia Libera nella Libera Europa

Segretario Generale

ConfContribuenti Piemonte

Mostra altro