Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog di Confcontribuenti (Sez.Piemonte) e UpL

EQUITALIA: PERICOLO RIVOLTA.

30 Aprile 2011 , Scritto da Confcontribuenti Piemonte Con tag #ITALIA

DAL SITO www.monicanassisi.it.

Non ce la fanno proprio più. Anzi, non ce la facciamo proprio più.

Ho partecipato a diversi incontri,riunioni e manifestazioni sul tema di Equitalia ed il clima che si respira è di totale esasperazione.
I cittadini si sentono vittime di un sistema che, nella spasmodica ricerca di entrate per i vari enti impositori e di grandi profitti per la società di riscossione, non esita a mettere sulla strada le famiglie e sul lastrico le micro e piccole imprese.
Molte persone si sono dichiarate pronte ad occupare le sedi di Equitalia. Ho provato a dissuaderli. Sinceramente, non so per quanto tempo riusciranno a non perdere la ragione, perché per contrastare l’azione di Equitalia, oltre all’avvocato, al commercialista, all’esperto in diritto tributario, al consulente del lavoro, occorre anche uno psicologo di sostegno del contribuente. In molti casi, infatti, c’è il rischio di diventare pazzi.
I comunicati stampa di Equitalia vantano il grande merito di aver recuperato nel 2010, insieme all’ Agenzia delle Entrate ed all’Inps, complessivamente 25,4 miliardi di euro tra imposte, tasse e contributi .
Sempre Equitalia sottolinea che nel 2010 la riscossione è salita a 8,9 miliardi , di cui il 20% è stato recuperato dai grandi debitori.
Il dato che mi preoccupa è proprio quell’80%, che non si riferisce ai grandi debitori.
Le tasse, i contributi, le sanzioni, devono essere pagate, se dovute. Nessuno lo discute.
Ma non è giusto che si chiedano debiti inesigibili, non è giusto che si continui ad iscrivere e non si cancellino d’ufficio ipoteche sulla casa per debiti inferiori agli 8.000.00,00 Euro, non è giusto che non sia possibile rateizzare la singola cartella, ma che venga imposta la rateizzazione di tutto il ruolo, comprensivo dei debiti non più esigibili, non è giusto che gli enti iscrivano a ruolo debiti, pur non avendo rispettato le regole previste dalla vigente normativa.
Basta andare una mattinata, per esempio, nelle aule del Giudice di Pace di Roma, per accorgersi che il Comune di Roma, pur avendo iscritto a ruolo debiti derivanti da sanzioni amministrative, non è in grado di produrre la notifica dei verbali di accertamento. Spesso il Comune neanche si costituisce. Le opposizioni vengono accolte, con condanna del Comune al pagamento delle spese, che ovviamente sono pagate sempre con i soldi dei cittadini.
E’ giusto che tutti coloro che, pur ritenendo di aver ragione, non hanno i soldi per rivolgersi ad un avvocato e pagare il contributo unificato, rimangano esposti all’azione di recupero di Equitalia?
E’ giusto che lo Stato e gli enti pubblici, così come chi agisce per loro conto, non siano i primi a rispettare le regole?
Queste sono le contestazioni ed i quesiti che La Destra ha posto alla stessa Equitalia, in un recente incontro avuto con un responsabile nazionale della riscossione.
La Destra non solo contesta, ma propone.
In attesa di concrete risposte, proseguiamo, dritti per la nostra strada, al fianco dei cittadini.

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post