Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog di Confcontribuenti (Sez.Piemonte) e UpL

ITALIA CHE RESISTE, ITALIANI CHE SCENDONO IN CAMPO E MANIFESTANO.

23 Ottobre 2011 , Scritto da Confcontribuenti Piemonte Con tag #ITALIA

L'UOMO NASCE LIBERO, LO STATO LO FA SCHIAVO!
SPEZZIAMO LE CATENE! ORGANIZZIAMOCI, RIBELLIAMOCI!

https://www.facebook.com/event .php?eid=219500194765228
TUTTI IN MARCIA, BASTA STATO PREDONE, BASTA TASSE. 
RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA LIBERTA'!
"I governi diventano liberali solo quando vi sono costretti dai cittadini".
(Ludwig von Mises)

 

TORINO_MILANO.

23 NOVEMBRE 1986 /// 26 NOVEMBRE 2011: 

"MENO FISCO = PIU' SVILUPPO ECONOMICO, PIU' LIBERTA'".
MOBILITAZIONE PERMANENTE.
(23.11 CONFERENZA STAMPA
26.11 MANIFESTAZIONE)
==========================
 ========
DA CONDIVIDERE, MI RACCOMANDO!
INVITATE TUTTI I VS.CONTATTI ALL'EVENTO, SE VI VA.
==========================
 ========


OGGI COME IERI, DI NUOVO IN MARCIA. 
PER LA RIVOLUZIONE, ORA!!!!

CREDO CHE LA MARCIA SI DOVREBBE RIFARE A TORINO, ANCHE PER CELEBRARE DEGNAMENTE E SIMBOLICAMENTE IL 150° DELL'UNITA' D'ITALIA, PER DARE IL VIA, DA TORINO AD UN NUOVO RISORGIMENTO LIBERALE.
MA VISTO CHE I PALAZZI DEL POTERE SONO A ROMA, DIBATTITO APERTO SE FARLA A TORINO, A ROMA, A MILANO (CAPITALE, DICONO, ECINOMICA DEL PAESE).

E, ESSENDO IL 23.11 INFRASETTIMANALE NON E' DA ESCLUDERE LO SPOSTAMENTO AL PRIMO SABATO O ALLA PRIMA DOMENICA SUCCESSIVA.
MAGARI CON UNA TAVOLA ROTONDA/CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA MARCIA, , DA TENERSI IL 23.11 A TORINO.

ATTENDIAMO LE VS.PROPOSTE. POI PRENDEREMO UNA DECISIONE, CHE CI AUGURIAMO CONDIVISA DA TUTTI!

ANCHE L'ON. ANTONIO MARTINO, IN UN ARTICOLO DI QUALCHE GIORNO FA, SI DICEVA FAVOREVOLE ALLA MARCIA, CHIAMANDO A RACCOLTA IL POPOLO DEI PRODUTTIVI CONTRO QUESTO STATO TIRANNO RAPACE E DISSIPATORE DI RICCHEZZE ALTRUI,NOSTRO SOCIO OCCULTO INDESIDERATO.

TUTTE LE ASSOCIAZIONI E I MOVIMENTI ANTI FISCO, DI TUTELA DELLE IMPRESE, DEI LAVORATORI AUTONOMI E DEI LIBERI PROFESSIONISTI, DEI LAVORATORI TUTTI, DEI DISOCCUPATI E DEGLI INOCCUPATI, DEGLI ITALIANI TUTTI, ESCLUSE LE CASTE, ASSOCIAZIONI E MOVIMENTI LIBERALI, LIBERISTI E LIBERTARI, LAICI....., 
SONO INVITATE AD UNIRSI A NOI.

TUTTI UNITI, SENZA PRIME DONNE, AVANTI COSI' PER UN UNICO OBBIETTIVO:

MENO TASSE, PIU' LIBERTA'!

http://confcontribuenti.pi emonte.over-blog.it/articl e-tutti-in-piazza-contro-q uesto-fisco-che-uccide-822 57699.html
========================== ========
DA CONDIVIDERE, MI RACCOMANDO!
INVITATE TUTTI I VS.CONTATTI ALL'EVENTO, SE VI VA.
========================== ========

========================== ========
DA CONDIVIDERE, MI RACCOMANDO!
INVITATE TUTTI I VS.CONTATTI ALL'EVENTO, SE VI VA.
========================== ========

========================== ========
DA CONDIVIDERE, MI RACCOMANDO!
INVITATE TUTTI I VS.CONTATTI ALL'EVENTO, SE VI VA.
========================== ========

-------------------------------------------------------------------

NON SOLO INDIGNATI MA ANCHE.....

Movimento "Schifados" meno stato, più mercato

Pagina di raccolta per tutti gli Schifati da assistenzialismo, corruzione, malaffare, sprechi, nepotismo e in definitiva tutte le cause della crisi in cui si trova il sistema economico e politico italiano, che non son state minimamente comprese dall'ottuso e violento Movimento degli Indignati.

Destra Mercato e Libertà

Pagina d'incontro per tutti coloro che vogliono (ri)costruire una destra liberale, conservatrice ed in grado di conseguire il benessere individuale, riformando e riducendo il peso dello stato italiano.

https://www.facebook.com/pages/Destra-Mercato-e-Libert%C3%A0/109162819194139?sk=wall

......................................................................................

BASTA TASSE!!! MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO L'OPPRESSIONE FISCALE!

Manifestazione contro gli abusi e le vessazioni di Equitalia, contro l'aumento dell'IVA, contro lo spettro della patrimoniale, contro il "contributo di solidarietà", contro il massacro dei piccoli risparmiatori, contro l'aumento delle accise sui carburanti, contro una politica che sa risolvere i problemi ed i debiti che ha CREATO e che ci stanno precipitando nel baratro solo TASSANDO, senza mai tagliare sprechi e privilegi!

MILANO 26.10.2011

..............................................................

Ron Paul Support Meeting - MILANO

Sabato 26 Novembre 2011 siete tutti invitati davanti alla sede del Consolato Americano (Via Principe Amedeo 2/10, Milano) alla manifestazione di supporto a RON PAUL, Congressman Repubblicano, libertario, candidato alle primarie per la presidenza degli Stati Uniti. Sarà una manifestazione gioiosa e informale a sostegno del candidato simbolo del Libertarismo americano e internazionale.

Ron Paul si distingue ormai da 30 anni, per le sue battaglie a favore dello stato minimo, di una tassazione ridotta, del federalismo, del non interventismo, dei tagli alla spesa pubblica e della libertà sui diritti e temi sociali
Portate bandiere e striscioni! Facciamo sentire il nostro supporto ad un simbolo ed un eroe d'oltreoceano.

Alle 14 saremo poi invitati a partecipare ad un'altra manifestazione liberale che si terrà in Piazza Duomo: 
https://www.facebook.com/e vent.php?eid=173257432754828

Per info sul candidato Ron Paul: 
http://www.ronpaul2012.com/

----------------- ENGLISH VERSION ----------------

On Saturday November 26 you are all invited in front of the headquarters of the American Consulate (Via Principe Amedeo 2/10, Milan) to the meeting to support Ron Paul, Republican Congressman, Libertarian, candidate for the primary for Presidency of the United States. It will be a cheerful meeting and informal support to the candidate and symbol of American and International Libertarianism.

Ron Paul stands for more than 30 years for his battles in favor of the minimal state, federalism, tax and public spending reduction, non-interventionism, and the rights and social freedoms issues.

Take flags and banners with you! Let us show our support to an overseas symbol and hero.

At 14.00h you are invited to participate in another Liberal event in Piazza Duomo:
https://www.facebook.com/event.php?eid=173257432754828

For info about Ron Paul:
http://www.ronpaul2012.com/

...........................................................

Il 30 settembre un uomo è partito da Milano alla volta di Roma. Nulla di strano, se non fosse che per raggiungere la Capitale, Michele Liati ha scelto di percorrere i 600 chilometri che separano le due città a piedi. Anzi, di corsa.
Il protagonista della maratona solitaria è un fisico 37enne, rimasto disoccupato da pochi mesi, ma con una grande voglia di far discutere.
NOVELLO FORREST GUMP. Cappellino in testa, maglietta con il logo «Lavoro libero», Liati è stato presto paragonato a Forrest Gump, il personaggio cinematografico interpretato da Tom Hanks. Ma con qualche differenza.
«Gump correva senza un obiettivo, al punto che alla fine decide di tornare a casa così come era partito», ha spiegato Liati aLettera43.it, «io invece una ragione per questa corsa ce l’ho».
Al grido di «suddito è chi il suddito fa», parafrasando la celebre frase di Hanks nel film Forrest Gump, il fisico corre per dimostrare quanto sia «ingiusto il sistema-lavoro per chi è fuori dalle sigle confederali».

DI CORSA CONTRO IL MONOPOLIO SINDACALE

La vicenda di Liati è iniziata a luglio, quando la sua azienda, la Yenmar di Cassago Magnago, in provincia di Varese, ha dovuto tagliare il personale. Il 38enne era addetto al controllo qualità e nonostante non fosse stato inserito nella lista delle risorse da allontanare, si è presto ritrovato disoccupato dopo lo scontro con i sindacati confederali.
Sposato e padre di una bambina – prossimo alla seconda laurea in Economia – Liati ha scelto di combattere il «monopolio sindacale nelle aziende» e si è messo in marcia.
NESSUNA REGOLA PER TUTELARE TUTTI. «Da quasi 70 anni i sindacati hanno espropriato i diritti dei lavoratori e li gestiscono come fossero propri», ha continuato Liati, «agiscono in un sistema extra legem senza aver mai ricevuto alcun mandato di rappresentanza e senza doverne mai rispondere a nessuno».
«Non ci sono regole certe per la tutela di tutti», ha spiegato il fisico. E per proporre le sue idee di riforma del mercato del lavoro ha deciso di scrivere al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, a quello del Senato Renato Schifani e della Camera Gianfranco Fini, al premier Silvio Berlusconi e al ministro del Welfare, Maurizio Sacconi.
E a i tanto odiati sindacati? «No, sarebbe inutile coinvolgerli. Nelle organizzazioni sindacali nulla si muove», la risposta di Liati.

UNA MARATONA PER FAR SENTIRE LA DENUNCIA

La sua iniziativa, quindi, è personale, ma vuole diventare un simbolo per «la maggioranza silenziosa che non è rappresentata».
Le intenzioni, insomma, sono ambiziose. Per ora, oltre alla vicinanza di molti conoscenti, ha ricevuto l’adesione di un amico che ha intenzione di raggiungerlo all’arrivo a Bologna per qualche chilometro insieme.
«Se mi fossi limitato a scrivere delle lettere avrei ricevuto risposte di circostanza» ha spiegato il fisico. «Dovevo fare qualcosa di eclatante per farmi sentire».
Il perno della sua proposta, comunque è il lavoro: «Si continua a parlare di modifiche del mercato lavorativo. Tutto resta come prima, o quasi, e il sistema rischia di crollare».
Liati vuole poter dire di averci provato: «Voglio riprendermi la mia libertà, o almeno tentarci». Il fisico vorrebbe la libertà di «essere padrone» del proprio lavoro, «quella libertà contrattuale o autonomia privata che il diritto concede a qualsiasi soggetto economico, a eccezione dei lavoratori dipendenti».
LE TAPPE DEL VIAGGIO.  Intanto il suo cammino procede: l’arrivo nella capitale è previsto per il 20 ottobre.
«Non avevo previsto facesse così caldo», ha raccontato il fisico, «ho dovuto cambiare gli orari della corsa, ma l’obiettivo è sempre lo stesso».
Liati riesce a coprire circa 30 chilometri ogni giorno, correndo due ore al mattino e due il pomeriggio con un bagaglio minimo sulle spalle e la costanza necessaria per tagliare il suo traguardo ideale.
Gli amici e la famiglia lo seguono su Facebook dove aggiorna costantemente le tappe e gli incontri delle sue giornate. Almeno con il pensiero sono tutti accanto al maratoneta solitario.


ANCHE UPL SOSTIENE L'INIZIATIVA.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.......................................................

FB: CREDERE NELLO STATO?

Questo gruppo è stato creato con l'intento di riflettere sullo Stato quale religione: quale istituzione che rivendica una posizione trascendente rispetto agli uomini e che esige obbedienza, lealtà, sottomissione. L'occasione è la prossima pubblicazione da parte delle edizioni Rubbettino di un volume di Carlo Lottieri intitolato "Credere nello Stato? Teologia politica e dissimulazione da Filippo il Bello a WikiLeaks". Ma ovviamente il gruppo è invitato a discutere il rapporto tra Stato e religione, e l'imporsi dello Stato quale "religione secolare", in piena libertà e sulla base di ogni spunto che verrà ritenuto opportuno.

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post